Pasolini


A 40 anni dall'assassinio di Pier Paolo Pasolini lo ricorderei così, come lo ha fatto Nanni Moretti in Caro Diario nel '93 sulle note di Keith Jarrett che amplificano indefinitamente il contrasto tra l'immensità dell'uomo e la miseria del luogo in cui l'uomo ne dovrebbe avere rispetto e memoria.

Per fortuna oggi il monumento non è più lasciato all'abbandono come allora, ma è sintomatico di come si fosse voluto cancellare le tracce ed il ricordo di uno dei più grandi poeti e pensatori contemporanei.


0 visualizzazioni

FOLLOW ME

  • Facebook Classic
  • Flickr App icona
  • Twitter Classic
  • LinkedIn App Icon
  • Instagram Social Icon